Angelina Jolie, le Amazzoni, Sant'Agata e le blogger: approfondire sulla mastectomia preventivaCi scrive la senologa Alberta Ferrari, chiedendo di sollecitare un dibattito approfondito intorno alla decisione di Angelina Jolie di sottoporsi a mastectomia totale preventiva. Decisione duramente condannate a caldo, da parte di sostenitori della (peraltro sacrosanta) medicina olistica e anche di donne impegnate, da Lella Costa a...Read more http://politicafemminile-italia.blogspot.com/2013/06/angelina-jolie-santagata-e-le-blogger.html
Josefa Idem presenta il metodo che parte dal basso: ascolto e valorizzazione del lavoro già svoltoPari opportunità e lotta alla violenza e al femminicidio: nuovo approccio e nuovi strumenti dagli audit con le associazioni per i diritti e femminili. Diciamolo per l'ennesima volta: non era questo il governo che avremmo sperato e voluto. Anche per questo, ancora più ci colpiscono
Ringraziamo Nadia Somma per il suo pezzo, pubblicato sul Fatto Quotidiano, dopo la lettera (finora senza risposta) inviata ai responsabili di Italia Uno. Lo apprezziamo moltissimo per la chiarezza che fa sui veri argomenti per cui sono da ritenere inaccettabili i contenuti di certi servizi di
Egr. Direttore di rete Luca TiraboschiGent.ma Tiziana Mazzola, uff. stampa programmazione Italia UnoE, per conoscenza: Redazione di Le IeneSLC - Sindacato dei Lavoratori della Comunicazione; al segretario Francesco AufieriEgregio Direttore,ultimamente un notissimo programma di intrattenimento e
Femminicidio, preti e Madonne. E la spiritualità scippata alle donne.Le pagine femminili su facebook sono oggetto di numerosi commenti provocatori da parte di pagine sessiste. Ma non basta: fioccano anche ripetuti richiami moralistici da parte di pagine (strettamente collegate alle prime), che si ammantano di anacronistico moralismo religioso.Cari, cari
Contro l'inesorabile processo di vanificazione della Legge 194: Laura Puppato presenta mozione al Senato, sottoscritta da diversi partiti6 giugno 2013 La mozione al Senato, si rifà all'ultima relazione sullo stato di attuazione della 194,  come già quella precedente presentata da SEL alla Camera, ed è proposta da Laura Puppato e firmata da senatori di diversi partiti.IL SENATO, PREMESSO CHE:• l’ultima Relazione sullo
Contro l'inesorabile processo di vanificazione della Legge 194: 36 parlamentari di SEL presentano mozione alla Camera21 maggio 2013 La mozione è proposta da Gennaro Migliore e Marisa Nicchi: alla vigilia del 35esimo anniversario dell'approvazione della Legge 194. "Norme per la tutela sociale della maternità e sull'interruzione volontaria della gravidanza". Sullo stesso tema vedi anche mozione
Alle Donne ParlamentariCamera dei DeputatiSenato della Repubblica         ...Read more http://politicafemminile-italia.blogspot.com/2013/06/revisione-della-legge-elettorale.html
E così, anche nella puntata di stasera i poveri uomini perseguitati dalla nazifemministe e dalle "false accuse" hanno trovato asilo nel nuovo reparto anti-donne inaugurato dal nuovo corso delle Iene, quelle di Mammuccari. Un reparto di cui non esisteva traccia nella versione del programma condotto
Buona Festa della Repubblica, con bella ciaoBuona festa della Repubblica, con le immagini e le musiche dell'addio di Milano a Franca Rame:Fiato agli ottoni, canti, fazzoletti, donne di rosso vestite e papaveri rossi: l'addio di Milano a Franca Rame dice tutto sull'amore da lei seminato nella sua bella vita, e che ora raccoglie: un amore che
A Roma lady preferenza: 3 donne fanno il pieno, con la novità della doppia preferenza di genereDa mister preferenze a lady preferenze? Sì, stando ai dati che arrivano dalla sfida per il Comune di Roma. Grazie alla legge per la doppia preferenza, per la prima volta sono 3 donne a ottenere il maggior numero di voti nei rispettivi partiti: 3 donne che, nei rispettivi partiti, hanno
Si, Franca era bellissima. Si, era impegnata in politica, a sinistra, e combatteva per i diritti delle donne. Si, le donne vengono punite per la loro autonomia e per la loro bellezza, qualora non sia servita come un oggetto di proprietà maschile. Si, i fascisti non ammettono né diritti né autonomia